AI per il business – Nel corso della storia i più grandi cambiamenti sono stati generati da eventi che hanno messo alla prova l’ingegno umano, e la pandemia da Covid 19 non può che essere annoverata tra questi.

L’emergenza sanitaria globale ha cambiato il modo di vivere e di lavorare di milioni di persone e aumentato l’uso di applicazioni tecnologiche: anche se gli uffici sono stati fisicamente chiusi, il lavoro non si è fermato, i dipendenti hanno bisogno di strumenti per la loro produttività aziendale, i clienti continuano a chiamare per richiedere prodotti o servizi. Nel corso del 2020, infatti, la popolarità di applicazioni come Google Meet e Zoom è esplosa.

Tuttavia, non tutti si sono fatti trovare preparati.

Nel report “The future of work” la software company americana Pega ha intervistato un campione di 3.000 tra senior manager e operatori frontline IT su come il modo di lavorare stia cambiando, rilevando come l’85% di essi sia d’accordo nel sostenere che la tecnologia cambierà drasticamente il mondo del lavoro nei prossimi 5 anni.

Aziende come Amazon, Facebook o Google erano già “sul pezzo”, ma su un campione di aziende intervistate nel report Pega, solo il 28% si è definito “pronto ad affrontare il Covid 19 da un punto di vista lavorativo, mentre un terzo del campione si è definito “non molto preparato” o “impreparato”.

Ai per il business - Percentuale di aziende con investimenti in intelligenza artificiale
Percentuale di aziende tecnologicamente preparate per settore e area geografica

Il trend generale tuttavia è il maggior investimento in tecnologia, che occupa il primo posto in agenda di organizzazioni e istituzioni, dal momento che gli esperti suggeriscono che la pandemia da Covid-19 non sarà purtroppo l’ultima con cui avremo a che fare.

L’84% delle organizzazioni considera, infatti, altamente prioritario farsi trovare preparati contro ogni altra futura emergenza sanitaria, introducendo tecnologie chiave come:

  • Intelligent automation
  • Artificial intelligence (AI)
  • Cloud-based solutions

In particolare, il 51% del campione afferma l’intenzionalità di investire in soluzioni cloud e intelligenza artificiale:

Ai per il business - Investimenti tecnologici in intelligenza artificiale in percentuale
Percentuali di investimento in soluzioni tecnologiche

Attualmente gli investimenti in tecnologia puntano a migliorare l’efficienza dei processi, ridurre i costi e ottimizzare il lavoro delle persone, puntando in particolare alle tecnologie di Business Process Management, Deep Learning, Machine Learning, Robotic Process Automation (RPA).

AI per il business - Percentuale di investimento in machine learning, deep learning, BPM e RPA
Investimenti per aree tecnologiche

AI per il business: ambiti di applicazione

AI per il business – Un sondaggio condotto dall’azienda Vistage Executive Coaching riporta come il 29,5% dei CEO di piccole e medie imprese consideri l’AI parte integrante dei propri processi e in particolare nei seguenti ambiti:

  1. Customer Relationship management

L’AI applicata al CRM consente di raccogliere e analizzare dati e feedback dei clienti e progettare i futuri interventi e strategie di marketing e vendita, massimizzando l’acquisizione dei lead.

2. Call Center Automation

Molte aziende si avvalgono di chatbot per la gestione delle richieste inbound dei propri clienti, alleggerendo il carico di lavoro del customer care e ottimizzandone le perfomance, lavorando 24/7.

3. Recruiting Automation

Grazie all’AI è possibile snellire il processo di selezione aziendale, sia nelle procedure di screening dei curricula, sia nei processi di onboarding e formazione dei nuovi assunti. I sistemi di AI riescono a filtrare i candidati in linea con le esigenze aziendali, oltre a fornire sistemi di knowledge base per rispondere alle richieste di informazioni dei nuovi assunti.

4. Competitive intelligence

I sistemi di AI possono rappresentare uno strumento di analisi della concorrenza, passando facilmente in rassegna dati e contenuti dei competitor online (pagine web, video, social media) e fornendo un quadro strategico attraverso la generazione di report.

AI per il business - Percentuale di tecnologie in corso di implementazione
Fonte: Report Pega – The future of work

Nel report Pega emerge come il valore aggiunto dell’intelligent automation abbia fatto sì che le persone percepiscano già in maniera diversa l’espressione “forza lavoro”:

  • il 73% del campione intervistato intende il termine “workforce” come lavoro congiunto uomo-macchina
  • il 74% afferma che soluzioni di automazione aumentano il livello di soddisfazione del cliente
  • il 72% afferma che l’intelligence automation riduce lo stress sul posto di lavoro
  • il 71% afferma che l’automazione aumenta la soddisfazione del personale

Sebbene, sia comune la percezione che l’intelligenza artificiale possa rappresentare una minaccia, sottraendo lavoro alle persone, è più plausibile pensare a un futuro mercato del lavoro dove professioni e mestieri saranno profondamente cambiati e dove soluzioni di AI e machine learning saranno utilizzate come strumento a supporto del lavoro umano, consentendo alle persone di usare meglio il proprio tempo.

Fonti:

https://www.forbes.com/sites/forbesfinancecouncil/2019/04/09/four-ways-artificial-intelligence-can-help-your-small-business/?sh=2a70c3974a1a

https://www.pega.com/system/files/resources/2020-10/pega-future-of-work-report.pdf

Potrebbe anche interessarti:

https://crafter.ai/it/2020/12/03/chatbot-digital-marketing-e-i-social-media/