Come funzionano i chatbot? Quando dici qualcosa a un chatbot il bot elabora la tua frase con l’obiettivo di identificare il tuo “intento“.

Se il bot si “sente” sicuro di aver compreso le tue intenzioni, fornisce una risposta, in caso contrario chiede di ripetere la richiesta, magari usando parole diverse.

L’elaborazione della frase per comprendere l’intento è fortemente correlata al dominio della conversazione poiché la stessa domanda, posta in domini diversi, può portare a una risposta diversa.

Per aiutare il tuo bot ad essere più “intelligente” devi fornire diversi modi per formulare la stessa domanda (le cosiddette “utterances”). 

Ad esempio la domanda “Qual è lo stato del mio ordine?” potrebbe “nascondere” lo stesso intento di “Il mio ultimo ordine è stato spedito?” o “Quando riceverò il mio ordine?“.

Fornire una serie ricca e diversificata di espressioni per ogni intento e assicurarsi che non vi sia sovrapposizione tra le utterances relative a diversi intenti è una delle chiavi per un chatbot che funziona bene.

Una squadra per raccogliere le espressioni

Per evitare un’inclinazione naturale che ognuno di noi ha nel modo in cui usa il  linguaggio per esprimere il proprio intento, è una buona pratica dedicare alla raccolta di utterances una squadra di persone e non un singolo individuo e includere nel processo di “training” non solo il team che sta sviluppando il bot ma anche utenti finali reali.

Ancora meglio se abbiamo una storia di conversazioni reali su cui fare leva. Resteremo sorpresi di vedere quanti modi diversi di dire la stessa cosa noi umani siamo in grado di inventare.

Un’altra funzionalità chiave per un chatbot intelligente è la possibilità di modificare dinamicamente la soglia di confidenza che il bot utilizza durante una conversazione per determinare se può fornire una risposta o se è più conveniente chiedere ulteriori chiarimenti.

Ci sono molte altre cose che un buon bot dovrebbe essere in grado di gestire come la capacità di riconoscere, all’interno di una frase, le entità che potrebbero influenzare il processo di raccolta della risposta giusta.

Ad esempio, immagina di chiedere al tuo bot “Quanto costa 1 litro di latte?”, Beh, il tuo bot dovrebbe essere in grado di estrarre “latte” e “1 litro”, comprendendo anche che il tuo intento è conoscere il prezzo.

Ciò renderà il tuo bot capace di fornire una risposta diversa da quella che dovrebbe scegliere quando risponde a “Quanto costa un gallone di succo d’arancia?”.

Se chiediamo al nostro bot di essere in grado di riconoscere non solo gli intenti e le entità, ma anche il contesto in cui viene posta una domanda, le cose diventano un po ‘più complicate.

Ma non preoccuparti, i migliori framework di chatbot possono aiutarti a creare bot che ricordano tutto il flusso di conversazioni e possono facilmente gestire tali situazioni.

Quindi, ancora una volta, se dopo aver chiesto “Quanto costa 1 litro di latte?” aggiungi “e la bottiglia è di vetro o di plastica?” il tuo bot sarà in grado di capire che la tua seconda domanda è relativa al “latte”.

Ci sono molte altre cose che un chatbot può e dovrebbe fare e continueremo questa conversazione un passo alla volta.

Nel frattempo grazie per il tempo che hai dedicato a questa lettura su come funzionano i chatbot.